domenica 21 giugno 2020

Eppure c'è stata

Questa è la notte del solstizio d'estate. 
L'aria è mite, le stelle brillano vivide e le lucciole pulsano ritmicamente tutt'intorno casa.
Eppure...c'è stata, la primavera. Zitta zitta, chiotta chiotta ha lavorato sodo, alacremente e con ottimi risultati.
Presa dal turbinio degli eventi, dai divieti, dai bollettini di guerra, quasi mi stavo dimenticando della magia della primavera, con i suoi colori, profumi e la vita che sboccia e si rinnova, magari ignorando del tutto i vari decreti Cura Italia, poi Rilancio e... blà blà blà.







Insomma una vera e propria esplosione di fiori, in particolare di rose. 
E tutto è tornato prepotentemente alla nuova vita. 
Come questo piccolo nido nell'intercapedine della finestra. Giorno dopo giorno ho assistito discretamente alla deposizione di un ovetto, due, tre...fino a sei.





La mamma si è presa cura delle piccole uova e una volta schiuse, ha nutrito i pulcini facendo instancabilmente  avanti e indietro.





E ad uno ad uno sono volati via, ormai pronti per affrontare il mondo.
Cos'altro ho fatto in questa infinita quarantena primaverile? Ho continuato a cucinare, a sperimentare cose nuove ma anche a preparare le tradizionali conserve del periodo: i carciofini sott'olio. 
Quest'anno fatti tutti da sola, impossibile vedermi con la mia amica.




E poi abbiamo messo mano all'orto, piantando ogni sorta di zucchina, pomodori, biete, lattughine, radicchio, carote, cetrioli, fagiolini e peperoncini vari. Devo dire che ogni cosa è stata di gradimento ad uno stuolo di lumache voracissime e terribilmente fameliche. 
Allora abbiamo risposto con trappole alla birra, di cui abbiamo scoperto sono decisamente ghiotte.
Peggio per loro.
Temo solo un'invasione biblica di cavallette.

Qui Domitilla si riposa sul trattorino, dopo aver supervisionato i lavori agresti.



Dunque si va avanti, tentando con grande fatica di recuperare quella normalità di una volta che ahimè non vedo così possibile.
Ma una cosa l'ho potuta fare: riabbracciare mia madre a Roma, dopo tre mesi di rispettivi arresti domiciliari.
Ed è stato bellissimo.


La bandiera comunque è rimasta. Non c'è più la neve presente nella prima foto, ma resiste, come me. Ed è bello vederla sventolare ed accogliere questa estate.
A tutti voi un saluto
                            Susanna


13 commenti:

  1. Cara Susanna buon giorno e buona ESTATE.
    La primavera è passata e come scrivi quest'anno è passata in punta di piedi, senza disturbarci intanto che eravamo presi delle preoccupazioni del COVID, ma ci ha comunque voluto lasciare un segno del suo passaggio.

    Che bello il nodo che hai fotografato e la cura della mamma per le sue uova.
    Il regalo della vita, questa grande emozione, questo grande dono che dobbiamo sfruttare giorno dopo giorno.

    Sono felice che sei riuscita dopo tanto tempo a riabbracciare la tua cara mamma; ti auguro una serena ESTATE.

    RispondiElimina
  2. Cara Susanna, è stata una strana primavera, volata via in un soffio, comunque, nonostante fossimo chiusi in casa. Meno male che ora possiamo uscire liberamente, anche se dobbiamo sempre prestare attenzione, soprattutto da me, in Lombardia, dove il virus ancora non vuole arrendersi. Nonostante tutto, cose belle ci sono state, vedo le tue bellissime rose, lo spettacolo dei piccoli uccellini che, pian piano hanno preso il volo, le conserve e Domitilla che se la dorme beata !!! E sono contenta che tu abbia potuto riabbracciare la mamma, deve essere stato un bellissimo momento ! Cari saluti e buona estate. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Ciao Susanna , splendide fotografie , un'esplosione di bellezza che la natura incurante della pandemia ci ha donato e continuerà a farlo .

    Una buona Domenica con un abbraccio .

    Rosy

    RispondiElimina
  4. Cara Susanna, che meraviglia quelle rose!!! È vero, la primavera è scivolata via e quasi non ce ne siamo accorti. Non so cosa ci aspetta ma temo che la crisi economica che si sta profilando cambi un po' di cose che non ci renderanno semplice tornare alla normalità di prima. Anche io sono finalmente andata a trovare mio padre in Toscana, dopo mesi, ha più di ottant'anni ed è stato molto solo per colpa del Covid. Che belli i tuoi barattoli di carciofini! Sei bravissima a fare così tante cose! È arrivata anche l'estate, speriamo di poterla vivere al meglio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Cara Susanna le tue foto sono sempre così belle ed evocative. La primavera ormai è passata, godiamoci l’estate

    RispondiElimina
  6. La natura ha seguito il suo corso....noi umani ci siamo fermati/arresi?? no ma ....speriamo sconfitto. speem...

    RispondiElimina
  7. che fiori meravigliosi, e che amori gli uccellini! Anch'io mi sono aggrappata alla natura in questo periodo, mi dava tranquillità

    RispondiElimina
  8. Ciao Susanna, ho letto i tuoi post precedenti e mi ci sono ritrovata parecchio...
    che il peggio sia passato? Mah mi restano molti dubbi! Comunque hai una grande fortuna
    con il tuo meraviglioso giardino, una valvola di sfogo allegro e profumato!
    Un abbraccio
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
  9. Ti invidio tanto il giardino. Io qua non ho ne il giardino, ma ancora peggio anche un terrazzo :-( poter stare in giardino deve aver aiutato a passare questo periodaccio. Troppo forte Domitilla, i gatti hanno davvero una marcia in più ;-)

    RispondiElimina
  10. Beautiful photo, love the roses .

    RispondiElimina
  11. Godiamoci questa tregua, ma sempre adottando le precauzioni del caso, perchè purtroppo il virus gira ancora e se è vero ciò che paventano, cioè che potrebbe arrivare una seconda ondata, meglio sfruttare al massimo quest'estate! Il tuo giardino è sempre un incanto, te lo invidio tantissimo! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Venirti a far visita è sempre un piacere per le foto bellissime e per il tuo racconto di vita quotidiana. E che dire? Sicuramente quello che ci è mancato di piu durante il lockdown sono stati gli agfetti mancati.

    RispondiElimina
  13. Cara Susanna,per me è sempre un piacere leggerti....io purtroppo ricorderò il periodo covid come un periodo pesante con la scuola online ....mortificante per le insegnanti e per i ragazzi soprattutto per chi fa più fatica a scuola,spero in un settembre di ripresa.complimenti per le tue foto

    RispondiElimina

La tua visita mi ha fatto davvero piacere!