venerdì 20 gennaio 2017

Tregua

Un attimo di tregua, per favore.
Mi sembrava fuori luogo mettere le foto di un enorme pupazzo di neve fatto dai nostri ragazzi, seppur belli cresciuti, sulla scia dell'entusiasmo che la neve trasmette ai giovani.






Con tutto quello che sta succedendo in questi giorni, in queste ore, nella mia regione ma nel Centro Italia, davvero pare impossibile pensare ad un pupazzo di neve. 
Però le recenti buone nuove ci danno la sensazione di un armistizio. 
In tanto disastro e disperazione, nell'accanimento della Natura sui già derelitti, con neve in quantità e di nuovo terremoto implacabile, una slavina e la ridda di accuse per incomprensioni e ritardi nei soccorsi, ecco sentir parlare di sopravvissuti. 

Barlume di speranza.  Voglio aggrapparmi a questa. 

Rammentando che sono fortunata ad avere un tetto sulla testa, camino acceso e termosifoni caldi, elettricità per un bagno bollente o per ricaricare il cellulare, ecco che si accetta obtorto collo anche di subire le tremende scosse telluriche, seppur essere in balia dell'incontrollabile dà sempre quella precarietà, quel senso di incertezza ed instabilità, per cui anche andare in bagno a lavarsi denti o viso porta a farlo velocemente, come per non essere colti di sorpresa.


Che poi, a ben guardare, anche questo pupazzo di neve appare mesto, consapevole che si scioglierà, ha perso in un attimo il sorriso fatto da noci e nel pomeriggio si è piegato alla temperatura meno gelida. 
Ma che tristezza tutto quello che accade di grave e spesso per superficialità.


Ho iniziato questo delizioso pettirosso di The Little Stitcher che mi ha consentito di congedarmi dal Natale e di esaltare la bellezza del Generale Inverno.  Voglio regalarlo ad un'amica.













Si procede dunque aspettando, con ansia e speranza, notizie di altri superstiti sopravvissuti alla slavina in Abbruzzo.
A presto                 
                       Susanna


13 commenti:

  1. Che ansia...che ore di assoluta instabilità per tutti...pensare che avrei voluto io un po' di quella neve...ma adesso non ha senso neppure quella... speriamo che altre buone notizie non tardino ad arrivare...
    Ti abbraccio forte😚

    RispondiElimina
  2. Ho un amico vigile del fuoco che sta lavorando ininterrottamente in Abruzzo e sono felice che vi siano delle buone notizie, ma allo stesso tempo provo molta tristezza quelle persone già così provate. Spero che possano tornare a sorridere e che i nostri "cari" reggenti invece di parlare, agiscano

    RispondiElimina
  3. Ciao Susanna, osservando il pupazzo non ho potuto fare a meno di notarne l'espressione un po' triste e anche tu
    hai sottolineato questa cosa...sono momenti davvero tristi per tante persone e di certo le polemiche non servono,
    speriamo che almeno il tempo sia più clemente e che la terra smetta di tremare, poi bisognerà rimboccarsi tutti le maniche! Un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
  4. Che brutto periodo stanno attraversando tante persone che si sono trovate loro malgrado sole con tutti questi problemi, speriamo passi in fretta e che ci siano presto buone notizie! Il tuo uccellino è proprio bello, brava Susanna

    RispondiElimina
  5. Carissima Susanna,la tua terra,la nostra terra e le persone hanno e stanno subendo davvero troppo...mi sento combattuta quindi nel chiedermi come possiamo aiutare tanti disperati che vengono da lontano quando noi stessi,nella nostra patria abbiamo tanta disperazione....il tuo pupazzo di neve ha gli occhi tristi...forse perche consapevole che questa straordinaria nevicata ha portato pure tanta tristezza....per fortuna do fai venire gli occhi a cuoricino e ci fai un po' scordare tanta tristezza con un piccolo stupendo pettirosso


    Un bacio

    Lolly

    RispondiElimina
  6. sembra proprio che il destino abbia deciso di accanirsi con chi abita nel centro Italia...nevicate eccezionali e il sig. T che ci mette del suo tutto assieme....speriamo troviate un pò di tregua in questa natura che si ribella...la serenità dei pensieri felici dei bimbi rende la cosa meno pesante e anche realizzare piccoli oggetti d'amore aiuta e questo tuo pettirosso è davvero un'amore...un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Caro Susana, è stato terribile di nuovo a sentire la notizia del terremoto! Particolarmente terribile pensare come colpire, e che le persone hanno sperimentato in un hotel! Spero davvero che altri sopravvissuti lì!
    Robin Ricamato è stato molto bello! Eppure mi è piaciuto molto il pupazzo di neve, è stato meraviglioso!

    RispondiElimina
  8. Non so che dire di fronte a così tante calamità in una volta sola. Mi sento solo di ringraziare tutte quelle persone che stanno lavorando alacremente per portare un po' di normalità a conforto a chi è rimasto colpito. penso con dolore a chi invece non c'è più e ai famigliari.
    E non posso che sentirmi una nullità e pentirmi dei momenti in cui non godo di quello che ho.
    Però voglio pensare positivo e che presto tutto questo sia solo un triste ricordo.

    RispondiElimina
  9. Cara Susanna, si spera ancora o almeno io spero ancora ad un miracolo, ancora qualche vita vi prego......hai ragione siamo al calduccio e diamo tutto per scontato ma la vita può essere stravolta in ogni momento.......è adorabile quel pettirosso, lo sto ricamando anch'io sperando che porti un po' di serenità, un bacio grando M.Grazia

    RispondiElimina
  10. Eh Susanna, ci penso ogni giorno. Ormai le speranze si affievoliscono, però bisogna essere forti e aiutare con tutto quello che si può. Il tuo pettirosso è meraviglioso

    RispondiElimina
  11. le notizie di questi giorni mi hanno sconvolta e fatto tanto riflettere...tante domande senza risposta mi lasciano attonita e senza parole alcune. La vita deve però andare avanti...anche se è dura, soprattutto per voi che da tanto, troppo tempo ormai siete in questa situazione.
    Il tuo pettirosso è bellissimo, io ne ho sempre uno che viene a mangiare le bricioline che gli lasciamo...
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  12. Ciao Susanna, è vero in questo periodo triste la mia mente va spesso da quei poveretti che hanno perso tutto....credimi il tuo pupazzo di neve e il delizioso pettirosso scalda un pochino il cuore....buona settimana carissima....un abbraccio...kiss!
    Serena

    RispondiElimina
  13. Non ci sono più parole per commentare ciò che sta succedendo, ma la vita continua e la speranza che tutto finisca presto rimane salda. Il pettirosso è dolcissimo, lo adoro!

    RispondiElimina

La tua visita mi ha fatto davvero piacere!