giovedì 28 gennaio 2016

Buzzicona o "diversamente magra"

Rigiro tra le mani i calendari delle attività delle varie palestre locali che promettono il ripristino dell'equilibrio tra mente e corpo e facendo leva sui tanti sensi di colpa dovuti al disastro fisico post feste natalizie.
Asciugate le lacrime di coccodrillo, leggo gli inviti a scegliere tra il corso di Core Stability, il Pilates, l'Insanity (per assonanza lo sento consono al mio spirito finchè scopro trattarsi di un allenamento aerobico) e neanche prendo in considerazione Zumba: non ce la farei mai.
Bah, come dice Rossella O'Hara "Ci penserò più tardi, dopo tutto domani è un altro giorno" però mi cruccio prendendo sempre più atto che nulla sarà come prima.
I chili sono aumentati, mi sento bolsa; mi piace mangiare ma devo mettermi in riga.
Più me lo prefiggo e più ho fame.


E pensare che ero agile, filiforme anche dopo la nascita del terzo figlio e soprattutto molto sportiva. Ho sempre vissuto di rendita dei miei trascorsi giovanili di atletica leggera, corsa veloce.
Anche l'ultima volta che sono salita sugli sci mi sono congratulata con me stessa per la buona riuscita nell'affrontare piste "nere" senza timore, spedita e con disinvoltura.

Per citare Alberto Sordi nel celeberrimo episodio "Vacanze intelligenti" (il film era "Dove vai in vacanza" regia a cura di Bolognini, Salce, Sordi 1978) quando si rivolge all'attrice Anna Longhi, sua consorte nel film, sempre affamata ed eternamente a dieta per compiacere i figlioli e le dice:" Sei così di natura, di costituzione grassoccia. . . sei un pò buzzicona
Ecco. Mi sento buzzicona.


Ho scherzato, in fondo poi non troppo ma diciamo che ho volutamente esagerato per giocare un pò con voi anche se realmente ho deciso di fare la brava e smetterla di fagocitare compulsivamente, come Eta Beta.
Mi ci vuole un bravo psicologo, ecco.
Sapete il ciabattino che va in giro con le scarpe rotte, no?
In occasione del compleanno della mia vecchiettina, lo scorso fine settimana ero di nuovo ad Ostia. 
Una splendida giornata di sole ha favorito una piacevole passeggiata lungomare.

Per festeggiare la mamma avevamo prenotato presso un' osteria condotta una volta dall'attrice Anna Longhi ed ora gestita da figlia e nipote.



Ambiente familiare, cucina caratteristica, con tutte le pietanze tipiche della tradizione culinaria romanesca e così, per mantenere il mio buon proposito di "darmi una regolata" (ma da lunedì, ovvio) ci siamo lasciati andare ad un tripudio di antipasti che prevedevano assaggini di verdure alla griglia e fritte, un cucchiaio di fagioli con cotiche, bruschettine ed affettati, pecorino romano, filetto di baccalà.








Per me il pranzo era già finito. Perciò ho evitato un primo "Cacio & Pepe", una pasta alla carbonara, un' Amatriciana.
Ma come resistere agli spaghetti con le telline? Uhmmm che profumo inebriante di mare: aggiudicate. E terminato il piatto è d'obbligo la classica "scarpetta" con l'ottimo pane casereccio di Genzano.

No il secondo davvero impossibile pensare di affrontarlo.

E così niente coda alla vaccinara, abbacchio, trippa, coratella et similia ma solo (e dico SOLO) un bel carciofo "alla giudia" davvero splendido: croccante fuori e con un tenero cuore all'interno

Mia madre e mio fratello invece hanno scelto le mitiche puntarelle:  un'insalata di cicoria bianca e riccia, condita con le acciughe e un pochino d'aglio.

Il tutto annaffiato con un buon vino bianco dei Castelli Romani.

Insomma una mangiata epica e gustosa. Ma adesso basta. Giuro che ho deciso di smettere.
Da lunedì ovviamente.

Intanto è arrivato il libro francese di ricami rétro: mi aspettavo di più, sono un pochino delusa.
Ho dato inizio ad un ricamo che deve rimanere assolutamente segreto, visto che sarà regalato ad una cara amica.


Un saluto a tutti voi che verrete a farmi visita.
A presto   
                        Susanna


17 commenti:

  1. tanta simpatia e ironia in questo post...buon ricamo e ...buona palestra....

    RispondiElimina
  2. Troppo simpatica sei una grande.
    Dai da lunedì ti faccio compagnia nella dieta e nelle xxx

    RispondiElimina
  3. Si sì lunedì anch'io si sì

    RispondiElimina
  4. Oh come mi ci ritrovo! Se penso che da bimbetta mia madre c'era disperata per la mia magrezza eccessiva e mi rimpinzava di vitamine e ricostituenti....secondo me hanno fatto effetto tutti ora!
    Dai, allora si inizia lunedì, tutte insieme,eh!
    Un abbraccio, Barbara

    RispondiElimina
  5. Ciao Susanna,bellissimo il libro che hai acquistato,non vedo l'ora di vedere cosa ricamerai!! Per quanto riguarda la dieta, io mi sono messa in riga da lunedì,lasciamo perdere i chili accumulati nelle feste, ben 6 (ingrasso alla velocità della luce)ma adesso mi sento veramente fuori forma e goffa! Magra non sono mai stata, ma stavolta ce la devo fare!!!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post come sempre Susa, e che squisitezze hai postato...adoro la pasta cacio e pepe, come pure le puntarelle ed il carciofo alla giudia, che ho mangiato per la prima volta lo scorso giugno, a Roma.
    La dieta questa "sconosciuta"!!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao Susanna mi è venuta fame, dovrei rigare dritto anche io, da lunedì ovviamente... Il libro francese mi è stato regalato per il mio compleanno è carino ma nulla di eccezionale. Buona giornata

    RispondiElimina
  8. non mi dire nulla...son gonfia da far paura, pensa che stamane sono stata a fare un test per intolleranza alimentare, devo capire se c'è qualcosa che non va...
    Però ogni tanto festeggiarsi fa anche bene, e tu con tutta la tua famiglia avete fatto un'ottima scelta, solo a vedere i piatti mi veniva l'acquolina!
    Un abbraccio stella e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. Eddai....Susanna....che fame mi hai fatto venire!!
    Stò strazio di dieta che non vuole funzionare, o
    sono io che non riesco a starci!!
    Comunque simpatico quel ristorantino, un giretto ce lo
    farei volentieri.....
    Buon fine settimana cara
    Love Susy ♥

    RispondiElimina
  10. Beh, insomma che a leggere quello con cui hai festeggiato la tua mamma mi hai fatto venir fame !!!
    Magari anche le sedentarietà, che spesso è complice dell'inverno, ti ha giocato a sfavore, cara, e ancora devi smaltire quello che hai accumulato durante le feste ... vedrai che con la buona stagione recuperi la tua forma fisica ... certo, la palestra sarebbe un'ottima scelta, almeno sei seguita e sei sicura di non deperire e di non vedere muscoli che si rilassano qual e là :( !!

    Buon weekend dolcissima Susanna, grazie per avermi donato questo post spassosissimo !
    Ti abbraccio con il cuore,
    Dany

    RispondiElimina
  11. Importante "sentirsi" bene nella propria pelle.... Smack

    RispondiElimina
  12. Caspiterina, che delizie e che bellezza, all'inizio non riuscivo a capire dove volessi andare a parare!
    In quel trionfo di ristorante.... ti dico solo che mi è venuta fame e poi ho finalmente scoperto cosa sono le puntarelle. Un bacione cara!

    RispondiElimina
  13. Eh no! Mi prefiggo anch'io da giorni e giorni di darmi una regolata e tu mi racconti di tuttto quel bendidio?!? Che fame...

    RispondiElimina
  14. guarda Susanna, sono mesi che mi dico anch'io di resistere alle tentazioni che qualche chilo lo dovrei buttare giù, ma niente. Soprattutto la sera quando guardo la tv dopo cena, mi viene la voglia di sgranocchiare, incredibile. Cerco di tenere le mani occupate ricamando ma è più forte di me.
    Per i libri anch'io rimango sempre delusa, sono bellissimi dalle copertine ma poi trovo pochi schemi che davvero potrei ricamare e mi dispiace di aver buttato i soldi.

    RispondiElimina
  15. Uhhhh io di chili ne dovrei buttare giù a vagonate...ma mi sto impegnando...infondo vado sempre a camminare (camminate da minimo 5km )e hop ricominciato lo yoga...infondo io non sono mai stata magrissima e tutto sommato col mio corpo non stò male...ma voglio fare qualcosa più che altro per il mio cuore...quando c'è una discreta attività fisica credo vada bene...anche perchè gli estremisimi non mi sono mai piacciuti...e concilio tutto con un pò di questo e un pò di quello....;-)verò presto a vedere che cosa avrai creato prendendo spunto da un libro eccezionale!!

    lolly

    RispondiElimina
  16. Siamo nella stessa barca e non consola il proverbio mal comune mezzo gaudio. Sei stata brava a resistere al cacio e pepe. Già per questo meriteresti un premio. Che dirti del libro? Anch'io mi aspettavo qualcosa in più, ma in fondo non è male. Buon ricamo amica mia

    RispondiElimina

La tua visita mi ha fatto davvero piacere!