domenica 11 novembre 2012

San Martì degli angeli

Una volta c'era l'estate di San Martino, tre giorni intorno all'11 novembre, che vedevano un ritorno della bella stagione. Oggi invece è un continuo parlare della "tempesta di San Martino", purtroppo imperversa il maltempo soprattutto al nord ed ora qui da noi.

Ma stamane era iniziata così, con una temperatura davvero mite, un ragno che ha intessuto la sua elaborata tela sotto al tavolo, operando un bellissimo ricamo di fili dorati, poi il gattone che si stiracchia al sole e  gode del calore che emanano i mattoni, mentre io vado di lavatrici e stesa di panni.
Penso tra me e me con rammarico che quest'anno non potremo fare il nostro olio, infatti l'uliveto baciato dal sole è pieno di una moltitudine di coccinelle ma assolutamente privo di olive grazie al nevone dello scorso febbraio ed all'impietosa siccità di questa estate ma tutto ciò fa parte del "gioco" dell'imprenditore agricolo biologico, va bene.





Nel frattempo organizzo i vari lavori della mattinata, mi gusto  un buon caffè con calma, un occhio all'email con le mie amiche Crocettine e sento brutte notizie meteo da chi vive in Trentino, nella già provata Liguria e a Bologna piove a sprazzi ma io incredula di tanta fortuna intorno a me, lotto tenace solo contro un vento incalzante che mi gonfia i lenzuoli a vela e continuo a pensare che stavolta le previsioni dei telegiornali siano errate, d'altronde...oggi è San Martino! Stendo altra biancheria nei pressi delle mie ortensie, splendide anche nella loro veste autunnale.



Vado su e giù per casa e mi cruccio notando che la cesta dei panni da stirare è nuovamente lievitata ma soprattutto mi dà apprensione ricordare che devo dedicarmi al detestato cambio di stagione degli armadi,  ancora piuttosto indietro.
Questa è una delle incombenze casalinghe che non tollero di buon grado.

Ma in un'ora tutto muta radicalmente.
Vento, nuvoloni lividi di pioggia, lampi. Ci siamo, ecco anche qui la famosa tempesta annunciata.
E mentre si scatena riesco ancora a scattare qualche foto.



Tutte le piante del giardino si lasciano avvolgere docilmente dalla pioggia,.

Queste bacche della siepe sono così rosse e vivide, grondanti di goccioline.








E i vellutati petali di rosa, sono quasi impermeabili, adornati con perle luccicanti.


Ed allora questo sarà un pomeriggio dedicato ai lavori di xxx rimasti un pò troppo indietro. Vi mostro velatamente, perchè è destinato ad un'amica, questo dai colori autunnali, sperando di ultimarlo prima possibile.






Nel frattempo, ricordando la tradizione di San Martino, stasera  vi ospito davanti al mio caminetto acceso e vi offro caldarroste alla brace, accompagnate da un buon vino novello.

A presto  
                  Susanna







19 commenti:

  1. Ed eccomi qua, pronta a gustare le caldarroste insieme a te, amica mia!
    Eh, che splendido post, pieno di tutta la bellezza che ti circonda e impreziosito dalle tue splendide fotografie, quando prendi la digitale in mano Susanna riesci a fare queste magie.
    Che bellezza quella ragnatela e la coccinella e i petali dei fiori con le gocce d'acqua. E anche il tuo ricamo, sì. Meraviglia!
    Oh, però io voglio il mio bicchiere di vino novello e la mia porzione di caldarroste, non facciamo scherzi, eh?
    Bacioni carissima!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara Susy,
    sai, ho sentito che sono molte le persone che non hanno potuto fare l'olio o che ne è venuto poco, per gli stessi tuoi motivi e in particolare per l'impietosa estate che abbiamo trascorso.
    E il cambio degli armadi: io l'ho già fatto ma ogni volta devo fare una insistente opera di autoconvincimento.
    Molto bello il tuo post, ci racconti l'autunno nelle cose quotidiane e semplici della vita, non ultime, le caldarroste con il novello ;P

    Ti mando un grande abbraccio, tutto autunnale, di quell'autunno fatto di vento fresco, di nuvole, di rosse foglie cadenti e magari, qualche sparuto focchietto di neve che annuncia l'arrivo del freddino invernale.

    Un abbraccio

    Niv

    RispondiElimina
  3. Speriamo almeno che tutte queste coccinelle ti portino fortuna ;) ma sicuramente erano meglio le olive! Adoro l'odore dell'olio. Buona serata di San Martino.

    RispondiElimina
  4. Susa cara leggo sempre con molto piacere i tuoi post ed ammiro le splendide foto che fai!
    Quanto al ricamo "velato"....non vedo l'ora di vederlo finito, sono moooolto curiosa di vedere cosa realizzerai!
    Grazie per le castagne ed il vinello!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Anche qui il tempo non é dei migliori, non c'é pioggia ma il vento ha imperversato per tutto il giorno, portando nuvole gonfie e grigie. Peccato, perché da noi é festa patronale...ma pazienza. Io mi siedo sempre vicino al tuo camino, respirando a pieni polmoni, magari sferruzzando mentre tu ricami :)

    RispondiElimina
  6. Io ho già fatto il cambio armadi...lavato tutto devo ancora stirare e moltoooo.
    Anche qui piove...però vicino al fuoco si sta bene.
    Un bacio e buon inizio settimana Anna Rita

    RispondiElimina
  7. Sempre belle le immagini che ci regali !!! Ma quanto è bello il micione steso al sole ???
    Guarda non mi parlare di roba da stirare ... ho 2 macchinate che mi aspettano al varco ... sigh sigh :( ci penserò domani !
    Buona notte e buona settimana
    Annarita

    RispondiElimina
  8. Cambio degli armadi quasi ultimato, ma qui fa ancora caldo.... non se ne può più!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Hai la bellezza nel cuore e in ciò che ti circonda(... parole, foto, atmosfera...)nel guardare e nell'ascoltare si prova meraviglia, fascino e serenità. Grazie per tutto ciò e per la tua visita, graditissima.Piera

    RispondiElimina
  10. cara dolce Susanna scrivi sempre delle bellissime cose. E ci regali sempre le tue meravigliose fotografie. Mi piacciono molto i colori che hai scelto e come ben sai mi dispiace per le olive..
    Un bacione
    fiore

    RispondiElimina
  11. Bel post e bellissime immagini.
    Debora

    RispondiElimina
  12. Ragni e coccinelle, si vede che l'agricoltura biologica funziona. E a riprova ci sono le ortensie. Proprio belle. Le mie sono tutte mosce e depresse. Cià versa il novello, che con sta umidità che c'è in giro dobbiamo annebbiarci la mente e scaldarci il cuore.

    RispondiElimina
  13. Mi dispiace Susanna per le tue olive,
    è un vero peccato, eh si, la natura
    si sta proprio rivoltando.
    Ma i fiori del tuo giardino sono
    sempre una meraviglia!!
    Love Susy x

    RispondiElimina
  14. che belle le foto del tuoi fiori..ehm..il cambio armadi...faccio finta di non aver letto questa parola...ahahah...le castagne ccetto volentieri...il vino....sono astemia..baci..iulia

    RispondiElimina
  15. Uh mamma mia, ma dove abiti, in paradiso??
    Che meraviglia, mentre leggevo il post, mi sembrava di essere lì.

    RispondiElimina
  16. bellissimo posto, complimenti!! UN abbraccio SILIA

    RispondiElimina
  17. Si si, le caldarroste le accetto volentieri, mangiate davanti al caminetto... mi sa che resto da te, abiti in un posto stupend
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  18. che belle immagini, mi è sembrato di entrare in punta di piedi nel tuo mondo...
    Un bacio!

    RispondiElimina
  19. Eccomi Susanna!!! Sono in ritardo, è sempre bello leggerti, ti ringrazio d essere passata da me:-) Qui l estate di San Martino l ha fatta, e ricordo questi giorni con piacere pensando alla mia infanzia e ai nonni... Sono un pò in ritardo ma una serata con caldarroste, caminetto e piacevole compagnia... Be' non posso dir di no:-) ! Un forte abbraccio

    RispondiElimina

La tua visita mi ha fatto davvero piacere!